Home > Horus divinita egizia

Horus divinita egizia

Horus divinita egizia

Viene considerato il Dio del deserto e dei popoli stranieri. Protettrice del focolare domestico, porta sul capo il disegno di un fornello. Come Ra-Harakhte viene addirittura identificato con Ra. Ebbe quattro figli che danno il loro nome ai vasi canopi: Amset, Hapi, Duamutef e Qebehsenuf. La piuma che porta sul capo è il contrappeso al cuore del defunto sulla bilancia di fronte al tribunale degli Dei. Si dice che, in questa forma sia una delle più antiche e che il suo culto provenga dal Sud. Da allora, Isis viene anche adorata come Hathor, portando sul capo due corna che circondano il disco solare.

Viene raffigurato avvolto in un sudario aderente, con la testa rasata e due avambraccia che spuntano dallo stomaco a reggere un particolare bastone. Probabilmente, dato che fu lui a pronunciare il nome di Atun rendendolo reale, si tratta della personificazione di un concetto astratto, fuori dal tempo. Ottenne dalla Luna cinque giorni in più per completare l'anno in giorni. Viene raffigurato con la testa di Ibis, poiché questo uccello compie salti di esattamente 4 palmi e Thot è anche il dio della misura.

Talvolta, era rappresentato anche con la testa di babbuino, animale che spesso tiene appoggiata la fronte al pugno, comunicando un'immagine di saggezza. Di origini molto antiche e, talvolta, assimilata alla feroce Sekhmet, la Dea leonessa. BES Dio nano e deforme è l'unico ad essere rappresentato sempre frontalmente mentre mostra la lingua.

Protegge la casa dagli spiriti maligni e, assieme ad Hathor, è il Dio della musica e dei musicisti. Per le sue doti protettive, veniva spesso raffigurato sulle suppellettili all'interno delle abitazioni e nei "mammisi", dato che veniva venerato anche come tutore delle gestanti e della quiete familiare. Assieme a lui ed a Khons, forma la Triade di Tebe. Viene anche adorata come raddrizzatrice dei torti.. Una falce di Luna è infatti raffigurata, assieme al disco solare, sopra il suo capo.

Forma una Triade con la sua sposa Il Tempio di Kom Ombo, infatti, era diviso in due sezioni: I Greci lo chiamarono Suchos. Queste qualità di Horus, originali o meno, sembrano essere presenti in molte culture nel mondo, poiché esistono altre divinità aventi la stessa struttura mitologica generale:. Diversi Salvatori in differenti periodi, da tutto il mondo, che mantengono queste particolarità complessive con il più recente, storicamente parlando, dei Messia. Il 25 dicembre, data comune a tutti è assolutamente astrologica.

Le tre stelle con la stella più luminosa, Sirio, sono allineate e puntano tutte verso il punto in cui sorge il sole il 25 dicembre. La Maria Vergine è la costellazione Virgo Vergine. Entro il 22 dicembre, la morte del sole era pienamente compiuta, e il giorno in cui si trova nel suo punto più basso restandovi, almeno in modo sensibile, per tre giorni. Per questo motivo si diceva: L'ankh appare di frequente nelle opere artistiche dell'Antico Egitto.

Nelle raffigurazioni divine appare come caratteristica delle stesse divinità, ad indicare la natura ultraterrena e l'eterna esistenza di esse. In quanto è la vita il suo significato principale, abbinato agli dèi ne indica la natura di forze cosmiche, generatrici dell'universo e dunque della vita. L'ankh veniva utilizzato in particolare come amuleto, capace di infondere salute, benessere e fortuna. Spesso alla morte di una persona, che venisse mummificata o meno, l'ankh era un elemento fondamentale, con il quale il corpo doveva essere sepolto.

Un altro uso frequente dell'ankh era quello che lo vedeva in funzione di specchio, nel quale il vetro riflettente era posto nell'ansa. Nel , nel corso di uno scavo archeologico effettuato ai piedi del lato meridionale del Monte del Tempio a Gerusalemme , fu rinvenuta una bulla riportante il sigillo impresso del re Ezechia — a. Il sigillo, riportante il testo in antico ebraico "Appartenente a Ezechia [figlio di] Ahaz re di Giuda", raffigura anche un sole alato, con due ali rivolte verso il basso, fiancheggiato da due ankh [1].

In epoca romana è probabile che l'ankh abbia influenzato il simbolo della mano di Venere o specchio di Venere , simbolo della divinità , in seguito adottato come simbolo dell'omonimo pianeta nell' astrologia ; come simbolo del rame nell' alchimia e come simbolo del sesso femminile nella biologia. Con l'imposizione del Cristianesimo , e conseguente destituzione e persecuzione del Paganesimo , tutti i simboli appartenenti alla sfera di quest'ultima forma religiosa vennero repressi. Da qui la denominazione latina di crux ansata , ovvero "croce ansata".

Anche in epoca cristiana mantenne l'uso di amuleto.

Horus - divinità egizia

La storia di Gesù copiata dall'antico Dio egizio Horus nel mondo, poiché esistono altre divinità aventi la stessa struttura mitologica generale. Horus era una delle più antiche e importanti divinità egizie. Sono state documentate differenti forme del dio Horus nella storia. Queste varie forme erano . Una delle divinità più venerate dall'antica civiltà egiziana era il figlio di Osiride e Iside: il Dio Horus. Tutti ne abbiamo sentito parlare, si tratta di. Horus (in italiano anche Oro o Horo), è una divinità egizia appartenente alla religione dell'antico Egitto, fra le più antiche e significative del pantheon egizio. Panoramica e rappresentazione delle divinità dell' antico Egitto: Atun, Ra, Tefnut , Shu e Nut, Geb, Osiris, Isis, Set, Nefti, Horus, Maat, Hator, Ptah, Thot, Anubis, Bastet, La religione egizia presenta numerose varianti sia negli Dei che nei loro. Figlio di Osiride e Iside, Horus era un dio potente dell'antico Egitto, conosciuto sin dai tempi predinastici. Egli era una divinità celeste che aveva la sua personificazione terrena in Antichità Egiziane del museo del Louvre. Horus: nella mitologia egizia, dio del cielo, della luce e della bontà. Una delle principali divinità egizie, Horus era figlio di Iside, dea della natura, e Osiride, dio .

Toplists